Hedonè

Viaggio notturno al Vittoriale
tra luci, musica e poesia

Duse, la divina

“Così è, così sia. Ci siamo uniti per essere divisi”.
[Eleonora Duse – lettera a d’Annunzio]

Dalla superficie del Laghetto delle Danze si innalza un grande ventaglio d’acqua.
Si apre lo scenario che celebra Eleonora Duse, amante e musa ispiratrice di d’Annunzio che viene evocata da una danza di particelle luminose.
La Divina fa la sua apparizione al Vittoriale nelle vesti di straordinaria attrice e si riavvicina al suo amore, per poi svanire lasciando la magica scia della sua incantevole presenza.